Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

NUOVE DISPOSIZIONI PER I TURISTI ITALIANI IN RIENTRO IN ITALIA DALLO SRI LANKA

 

NUOVE DISPOSIZIONI PER  I TURISTI ITALIANI IN RIENTRO IN ITALIA DALLO SRI LANKA

 

A tutti i Connazionali in Sri Lanka e alle Maldive che desiderino far rientro in Italia, si segnala che 28 marzo 2020 sono entrate in vigore NUOVE più stringenti DISPOSIZIONI per gli ingressi .

Le misure, stabilite con un’ordinanza congiunta del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e del Ministero della Salute, prevedono l’obbligo di consegnare al vettore all’atto dell’imbarco l’autocertificazione italiana, che specifichi i motivi del viaggio, l’indirizzo completo dell’abitazione o della dimora in Italia dove sarà svolto il periodo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario, il mezzo privato proprio che verrà utilizzato per raggiungerla e un recapito telefonico presso cui ricevere comunicazioni durante l’intero periodo di isolamento fiduciario (modello autocertificazione).

In base alle disposizioni i vettori e gli armatori sono inoltre tenuti a provvedere alla misurazione della temperatura dei singoli passeggeri, vietando l’imbarco nel caso in cui risulti uno stato febbrile oppure la documentazione non sia completa.

Attenzione: Le persone che fanno ingresso in Italia dall'estero non possono usufruire dei mezzi di trasporto pubblici in Italia, essendo obbligate ad usare solo mezzi privati (facendosi venire a prendere all'aeroporto, porto o alla stazione ferroviaria oppure noleggiando una macchina o, nei limiti in cui è consentito, usufruendo di un servizio taxi). Sono, ad oggi, permessi i voli interni.

Resta l’obbligo di comunicare immediatamente il proprio arrivo in Italia al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio e di sottoporsi alla sorveglianza sanitaria e all’isolamento fiduciario per 14 giorni.

L’isolamento può essere trascorso anche in luogo diverso dalla propria abilitazione. Se la persona, arrivando in Italia, non ha luogo dove passare quarantena o non riesce a raggiungerlo, deve trascorrere il periodo di isolamento in un luogo stabilito dalla Protezione Civile, con spese a carico dell'interessato.

Le disposizioni dell’ordinanza non si applicano ai lavoratori transfrontalieri, al personale sanitario, all’equipaggio dei mezzi di trasporto e al personale addetto al trasporto merci.

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ha predisposto un FOCUS con un elenco delle
domande più frequenti degli italiani in rientro dall’estero e dei cittadini stranieri in Italia, consultabile al link sotto riportato.

E' stato pubblicato un NUOVO MODULO SPECIFICO per i cittadini italiani in rientro in Italia DALL'ESTERO.

Sono state aggiornate anche le domande più frequenti consultabili sul sito del Ministero degli Affari Esteri
al seguente LINK:

https://www.esteri.it/mae/it/ministero/normativaonline/decreto-iorestoacasa-domande-frequenti/focus-cittadini-italiani-in-rientro-dall-estero-e-cittadini-stranieri-in-italia.html


184