Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Traduzione e legalizzazione dei documenti

SERVIZIO DI LEGALIZZAZIONE DEI DOCUMENTI

L’Ambasciata d’Italia a Colombo, nel ricordare che lo Sri Lanka non ha ancora aderito alla Convenzione dell’Aja del 1961 che sostituisce la legalizzazione con l’Apostille, informa che, a causa della situazione dei registri di stato civile e della frequenza dei falsi documentali nello Sri Lanka, oltre che dell’elevatissimo numero di richieste di legalizzazione, l’erogazione del servizio di legalizzazione dei documenti rilasciati dalle Autorità dello Sri Lanka avverrà esclusivamente nel rispetto della procedura di seguito illustrata, coerentemente con quanto stabilito dall’art. 63, comma 2 del D.Lgs 71/2011 e dall’art. 33 del D.P.R. 445/2000.

Fino al 31 maggio 2024 le richieste di legalizzazione devono essere presentate alla società Forsiter Global Services. Maggiori indicazioni al riguardo sono disponibili sul sito https://www.forsiter.com. La procedura di verifica, traduzione e legalizzazione di tutte le richieste accettate da Forsiter fino a tale data sarà portata a termine da Forsiter.

A partire dal 1° giugno 2024 le richieste di legalizzazione dovranno essere presentate presso gli Uffici di VFS Global a Colombo: Italian Legalization Application Centre – Colombo, Sri Lanka, Address: c/o Italian Visa Application Centre in Sri Lanka, First Floor, No 464, Galle Road Colombo 03.

Per scaricare i moduli necessari per avviare la procedura di traduzione e verifica, si prega di visitare il seguente sito: https://visa.vfsglobal.com/lka/en/ita/Legalisation  

SI SEGNALA CHE IL SERVIZIO SARÀ PIENAMENTE OPERATIVO PER LA CONSEGNA DEI DOCUMENTI DA LEGALIZZARE SOLO A PARTIRE DAL 17 GIUGNO 2024. SIAMO SPIACENTI PER I DISAGI.

I documenti da legalizzare dovranno essere presentati in originale, MUNITI DELLA LEGALIZZAZIONE DA PARTE DEL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DELLO SRI LANKA, e verranno successivamente trasmessi all’International Organization for Migration (IOM) per la traduzione in lingua italiana e la verifica di autenticità.

Al momento della presentazione dei documenti gli interessati firmeranno i moduli per la richiesta del servizio di verifica e traduzione da parte di IOM e per la richiesta di legalizzazione da parte dell’Ambasciata. In tale occasione dovranno pagare sia le spese per il servizio che i diritti consolari dovuti per la legalizzazione e la certificazione di conformità della traduzione agli originali dei documenti stranieri.

SI RICHIAMA L’ATTENZIONE SUL FATTO CHE I DOCUMENTI VERRANNO TRASMESSI ALL’AMBASCIATA SOLO AL TERMINE DELLE PROCEDURE DI TRADUZIONE E DI VERIFICA. VFS GLOBAL AGGIORNERÀ DIRETTAMENTE I RICHIEDENTI SULLO STATO DI AVANZAMENTO DI TALI PROCEDURE.

Una volta effettuata la legalizzazione e l’autenticazione della traduzione, l’Ambasciata restituirà il documento completo a VFS che provvederà ad inviarlo all’utente per corriere.

Si invitano gli utenti ad astenersi da visite in Ambasciata (no walk-in) e dall’invio di email per richieste di informazioni, aggiornamenti sullo stato delle istanze o solleciti, poiché l’intera procedura prevede tempi e modalità che per nessuna ragione è consentito modificare e NON dipendono dall’attività dell’Ambasciata d’Italia a Colombo ma da interlocutori esterni, oltre che dalle stesse Autorità dello Sri Lanka. L’Ambasciata raccomanda di evitare l’inutile ricorso ad agenzie di servizi o di intermediazione ed a voler segnalare – all’indirizzo mail consolare.ambcolombo@esteri.it – qualunque impropria richiesta di somme di denaro da parte di terzi.

NOTA BENE: laddove una legalizzazione venga richiesta propedeuticamente alla presentazione di domanda di visto, si prega di assicurarsi di richiedere e ottenere un appuntamento per la presentazione della domanda di visto (vedi pagina “visti”) entro i termini di scadenza semestrale del nulla osta, anche laddove il processo di legalizzazione non sia ancora ultimato a causa del protrarsi delle tempistiche delle verifiche di IOM. In tal caso, in sede di presentazione della domanda di visto presso VFS occorrerà presentare una ricevuta che provi l’avvenuto avvio del processo di legalizzazione. L’Ambasciata potrà così interrompere i termini di decorrenza del nulla osta evitando che scada.